Tartellette

tartellette

12 giorni al termine…9 mesi sono passati così in fretta che mi sembra ieri il giorno in cui stringevo tra le mani quel test positivo per la prima volta dopo tanti tentativi. Mi domando come sarai, se avrai i capelli, di che colore avrai gli occhi, se davvero sarai una “polpettina” come dicono i medici o se ci hai presi tutti in giro e ti rivelerai nient’altro che uno scricciolino…quello che so è che sarai tanto amata.

Sono stati nove mesi strani…all’inizio c’è stato lo stupore e la gioia devastante: due linee che ti cambiano la vita da un minuto all’altro, due linee che non avevo mai visto prima (e di test ne avevo dovuti fare parecchi!) e che mi hanno fatta piangere, ridere e saltare di gioia mentre il tuo papà se ne stava ancora lì a fissare le istruzioni, incredulo e allo stesso tempo terrorizzato. Ma quella gioia, se arrivi da un percorso come il nostro (qui il racconto della nostro percorso), te la godi per poco perchè subito subentra la paura, il terrore di perdere quel dono così prezioso. E con la paura sono arrivate quelle perdite che hanno fatto sprofondare tutto: una settimana bloccata tra letto e divano, senza sapere se c’eri ancora o se te ne eri già andata, sette giorni passati soltanto a pensare a te e a scoprire di amarti già così tanto. E poi quella prima ecografia fatta a 5 settimane e 5 giorni, con il medico che ci prepara al fatto che potremmo non trovare più niente e, che se anche ci fosse qualcosa, sicuramente sarebbe troppo presto per vedere te o un cuoricino pulsante… io speravo di vedere almeno la famosa cameretta per poter continuare a sperare, ma tu ci hai voluto stupire subito: c’eri eccome, e c’era anche uno sfarfallio bello chiaro e deciso che mi ha fatto capire quanto fossi forte in realtà: d’altra parte eri la mia pinguinetta  che era stata congelata per quasi un anno, il nostro ultimo embrioncino disponibile che era stato lasciato per ultimo perchè probabilmente era quello su cui i biologi puntavano di meno…giustamente hai voluto far ricredere tutti! I vari tentativi falliti che  ti hanno preceduta sono stati duri da affrontare, mi hanno fatto versare tante lacrime e mi avevano quasi fatto perdere ogni speranza, ma ora so che dovevo percorrere tutta la strada, che dovevi essere tu,  che stavamo aspettando proprio te… o forse eri tu che stavi aspettando  che noi diventassimo più forti per poterti accogliere al meglio ed essere degni di te. E allora ho deciso che non poteva esserci spazio per la paura in questa gravidanza, nonostante fosse una “gravidanza a rischio”, e me la sono vissuta per quello che è stata..il regalo più bello che potessi ricevere. Ho visto il tuo papà innamorarsi di te giorno dopo giorno, ecografia dopo ecografia, calcetto dopo calcetto..e io, se possibile, mi sono innamorata ancora di più di lui. Mi sono riposata, ho staccato la testa da quasi tutto e mi sono goduta ogni momento con te, conoscendoti ogni giorno un po’ di più, creando dei rituali solo nostri. Questi mesi mi hanno riavvicinato ad amiche che non sentivo da tempo e hanno rinsaldato i legami con quelle di sempre, che da tanto aspettavano che arrivasse anche il mio turno. Mi sono legata, se possibile, ancora di più alla mia mamma e vedo negli occhi del mio papà, che tanto affettuoso a gesti non lo è mai stato, il nonno che sarà e il suo desiderio di conoscerti.

Tra poco sarà Natale, il più bel periodo dell’anno per me. E quello che amo di più del Natale è l’attesa, quel fare il conto alla rovescia e  far sì che sia tutto pronto per quel giorno speciale. Questo mesi sono stati l’avvento più bello che potessimo desiderare…ti aspettiamo Alicetta, pronti per iniziare una nuova avventura.

tartellette

La ricetta che vi lascio oggi è davvero facile, d’effetto e golosissima! Sono delle tartellette alla frutta con crema al mascarpone e meringhette. Vi lascio qui sotto la ricetta per la crema al mascarpone che dovrete usare per farcire sia i gusci che le meringhe..la base delle tartellette è una semplice pasta sablè e la ricetta la trovate qui (ovviamente dovrete dargli la forma di tartellette/cestini, e non quella di biscotti; i tempi di cottura sono i medesimi e vi consiglio di bucare il fondo delle tarts con una fochetta prima di infornare), mentre per fare le meringhette la ricetta è questa (per quanto riguarda colori e forme lascio al vostro gusto e alla vostra fantasia).

tartellette

Print Recipe
Tartellette
Tempo di preparazione 10 minuti
Porzioni
10 tartellette
Ingredienti
Tempo di preparazione 10 minuti
Porzioni
10 tartellette
Ingredienti
Istruzioni
  1. In una ciotola mischiate bene il mascarpone e lo zucchero e mettete in una sac a poche.
  2. Con la crema farcite le tartellette e le meringhette .
  3. Decorate le tartellette con le meringhe e la frutta fresca.

tartellette

 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *